Spedizione gratuita per ordni superiori a 75€

Ferri o uncinetto: quale scelgo?

Ferri o uncinetto: quale scelgo?

Una delle prime domande che sorgono spontanee quando iniziamo la nostra avventura nel mondo della maglia è proprio questa: quale strumento scegliere? Ferri o uncinetto, quale dei due è meglio?

Come vedremo tra poco, non esiste uno strumento migliore di un altro. Ciascuno si adatta a una particolare esigenza e sta a noi scegliere quello giusto in base all'occasione.

Ferri o uncinetto: quali sono le differenze?

Iniziando un nuovo lavoro, dobbiamo innanzitutto chiederci cosa vogliamo ottenere. Ci stiamo rifacendo a un modello trovato online? Vogliamo provare a riprodurre un capo visto in vetrina? Qualunque sia l'origine della nostra idea, il primo passo è osservare il tipo di intreccio. Con un po' di esperienza, infatti, siamo in grado di accorgerci subito se stiamo guardando un filato lavorato ai ferri o uno fatto all'uncinetto.

Un lavoro creato con i ferri è morbido, regolare ed elastico. L'uncinetto, di contro, crea intrecci più spessi e più sostenuti. Prendendo in mano un pizzo o un centrino e osservando con attenzione, siamo in grado di notare le singole catenelle, e di riconoscere dunque la lavorazione all'uncinetto. Un maglione o una sciarpa avranno invece delle sequenze di maglie dritte e maglie rovesce che ci sveleranno subito che siamo davanti a un lavoro fatto con i ferri.

È giusto precisare che esistono tecniche all'uncinetto che permettono di emulare i punti dei ferri. Si tratta però di lavorazioni molto avanzate che, per il momento, mettiamo da parte per concentrarci su queste prime differenze evidenti.

Lavorare ai ferri

Vantaggi e svantaggi

Per scegliere lo strumento giusto, soprattutto all'inizio, possiamo guardare ai suoi pro e contro. I ferri, ad esempio, hanno il grandissimo pregio di consentire la lavorazione di qualunque tipo di filato. La possibilità di acquistare ferri di tanti tipi e spessori diversi e la flessibilità della tecnica danno infatti accesso a moltissimi punti e  lavori differenti. Proprio per questa versatilità, però, sono anche più complessi da utilizzare rispetto all'uncinetto. Inoltre, sono ingombranti e spesso scomodi da trasportare.

L'uncinetto, al contrario, è molto leggero e portatile. Imparare a lavorare all'uncinetto richiede minore esercizio dei ferri perché i punti sono meno e  più semplici, ma questo, come abbiamo visto, ovviamente si ripercuote sulla versatilità. L'uncinetto dà infatti accesso a molte meno possibilità creative e, inoltre, costringe alla scelta di filati compatti e resistenti (in caso contrario, si rischia di sfilare il lavoro mentre lo si lavora).

Quando usare i ferri e quando l'uncinetto

Come scegliere, quindi, quale dei due strumenti utilizzare? 

La risposta è presto detta: dipende dal tipo di lavoro che vogliamo creare. Una volta scelto il capo, possiamo immaginare come renderà con una o l'altra tecnica. Per farlo ci vuole un po' di esperienza, certo, ma è una cosa che tutte, pian piano, acquisiamo spontaneamente.

All'inizio, comunque, la cosa più semplice è fare riferimento al modello e alle linee guida viste poco fa. Su tutti i modelli, infatti, è sempre indicato qual è la tecnica più consigliata. Anche la scelta del filato, come abbiamo visto, influenza la nostra decisione ed è saggio provare per prima cosa a lavorare alcuni punti con la tecnica che abbiamo scelto per vedere se effettivamente otteniamo ciò che vorremmo.

Lavorare ai ferri

I capi tipici lavorati ai ferri e all'uncinetto

Maglioni, golfini, cuffie e guanti vengono di solito creati con i ferri. Il lavoro ai ferri dona infatti a questi capi la giusta consistenza, rendendoli soffici e caldi. Così come in generale succede con i vestiti per i bambini, che richiedono l’elasticità e la morbidezza che solo i ferri riescono a dare.

Di contro, pizzi, gilet, maglie, costumi da bagno e in generale capi stretti ed eleganti risultano molto più interessanti se realizzati con l'uncinetto. Lo stesso discorso vale per i centrini, per le decorazioni delle tende e per quelle dei corredi.

Mantelle, foulard, cappelli e coperte si prestano invece a entrambi i tipi di lavorazione. Con il tempo, diventeremo abbastanza abili da vedere al volo se abbiamo davanti un lavoro adatto ai ferri o all'uncinetto. E da combinare le due tecniche per ottenere risultati davvero impareggiabili.

 

Post precedente Prossimo Post

  • Tiziana Signorelli
Commento 2
  • ines
    ines

    concordo con quanto detto da Fabiana, anche io lavoro sia con ferri che con uncinetto e, secondo me, le due lavorazioni si equiparano come versatilità e modernità di modelli e/o filati

  • Fabiana
    Fabiana

    Io lavoro sia ai ferri sia all’uncinetto e non sono molto d’accordo con la descrizione fatta: la lavorazione all’uncinetto si è molto modernizzata e con punti semplici o medi si possono ottenere lavorazioni compatte, regolari e morbide, esattamente come con la maglia. Questo permette di lavorare in gran parte dei casi gli filati che si lavorano con i ferri. C’è poi il mondo dell’uncinetto tunisino, molto affascinante e ancor più vicino alla maglia. Il tutto sta nel seguire designer di uncinetto moderno e discostarsi dalle proposte datate. Io personalmente mi sono avvicinata così all’uncinetto: in principio lo trovavo veramente troppo datato e non mi piaceva la resa, poi però è bastato cercare un po’ tramite Ravelry e Instagram e mi si è aperto un mondo!

Lascia un commento
Il tuo nome: *
Email*
Messaggio *
* Campi richiesti