Come si leggono gli schemi?

RSS
Come si leggono gli schemi?

Stiamo muovendo i nostri primi passi nel mondo della maglia, e il primo ostacolo che ci si para davanti è proprio questo: la lettura degli schemi. Magari abbiamo trovato il modello di un maglione che ci piace particolarmente e vorremmo riprodurlo, ma appena apriamo lo schema l'impatto è destabilizzante.

Cosa mai vorranno dire tutti quei simbolini?
Da quale parte si guarda questo strano schema?

Niente paura, care sferruzzatrici, è normale provare un po' di confusione la prima volta. È per questo che ho creato questa guida alla lettura degli schemi. Oggi vedremo insieme come leggere i simboli su uno schema e come interpretarli.

Con qualche esempio visivo che vi sarà utile per non avere più paura di nessuno schema, sia esso online o cartaceo.

Come leggere e seguire gli schemi

Intanto, lasciate che vi presenti il protagonista di oggi: lo schema. 

Uno schema è composto da una serie di quadretti bianchi (a volte grigi, a seconda dei gusti di chi ha creato il pattern) con all'interno un simbolo. Possono essere pallini, linee dritte, linee oblique, curve e così via; ognuno di essi, però, deve rappresentare un tipo specifico di punto (dritto, rovescio, gettato etc).

Leggere uno schema per la maglia

Per poter interpretare uno schema, è necessario che chi lo ha creato ci fornisca anche una leggenda. Esiste infatti una convenzione sui simboli, ma non sempre viene usata e ciascun creatore di schemi preferisce usare la sua simbologia personale. Poco male, comunque, a noi basta avere in mano anche la leggenda.

La leggenda ha solitamente questo aspetto:

= 1 m dir
= 1 m rov
= 1 m gettata tra 2 m
= 2 m insieme a dir
= 3 m insieme a dir

Avendola davanti, possiamo comprendere ciascun simbolo e sapere a quale punto associarlo. Se torniamo al nostro schema e lo confrontiamo con la leggenda, ora siamo quasi in grado di comprenderne il funzionamento. Ci manca solo un dettaglio: la direzione di lettura.

Lo schema si legge in modo un po' contro-intuitivo, ovvero si inizia procedendo dal basso verso l'alto e da destra verso sinistra. Se stiamo lavorando a maglia piana (prima un ferro al dritto e poi uno al rovescio del lavoro, che è la maniera più comune di procedere), le linee dispari sul nostro schema rappresentano i ferri al dritto, e quelle pari i ferri al rovescio.

I ferri dritti si eseguono quindi da destra verso sinistra, mentre quelli rovesci (i pari) da sinistra verso destra, come se stessimo tornando indietro con il lavoro; cosa che, se ci pensiamo, stiamo effettivamente facendo.

Come leggere gli schemi

Se lavoriamo con i ferri circolari invece, procediamo sempre da destra verso sinistra, perché in questo caso stiamo lavorando in tondo e non in piano e non esiste alternanza tra lavoro al dritto e lavoro al rovescio.

Lavorazione ferri circolari

Dove trovare gli schemi

Ora che abbiamo visto come leggere uno schema, non ci resta che trovare quello che fa al caso nostro. Il web è ricco di schemi, spesso gratuiti, che possiamo scaricare per esercitarci; così come di modelli messi a disposizione per creare splendidi maglioni, sciarpe, cappelli e così via.

Anche le riviste che troviamo in edicola e i manuali di maglia e uncinetto sono delle ottime fonti dalle quali attingere.

Siti che offrono schemi in italiano

Se vogliamo essere sicure di non avere problemi nella realizzazione del nostro progetto, la cosa migliore è cercare uno schema in italiano, che oltre al pattern vero e proprio riporti anche una breve spiegazione che possiamo seguire quando abbiamo dubbi.

Qui su Justknit, ad esempio, trovate Kit pronti che vi offrono sia lo schema che i materiali per realizzare il vostro progetto, nonché assistenza se incorrete in qualche dubbio o problema.

Insomma, il trucco sta nello spulciare il web in cerca dello schema perfetto per i nostri gusti e per le nostre esigenze.

Per lanciarci poi nel nostro nuovo meraviglioso progetto con tutti gli strumenti finalmente nelle nostre mani!

Articolo Precedente Prossimo Articolo

  • Tiziana Signorelli
Commenti 7
  • Raffy
    Raffy

    Ottimo. Si comincia!

  • Daniela
    Daniela

    Grazie per la spiegazione vorrei sapere se io ho uno scherma però le spiegazioni sono in russo i simboli sono uguali per tutte le lingue?

  • Daniela
    Daniela

    Grazie per la spiegazione vorrei sapere se io ho uno scherma però le spiegazioni sono in russo i simboli sono uguali per tutte le lingue?

  • Margherita
    Margherita

    Grazie, servono lezioncine così per principianti come me!

  • Manuela
    Manuela

    Oltre alla lettura dei simboli credo sia importante anche conoscere la tecnica del progetto che a volte rende difficile la comprensione del progetto

  • Anna Pedata
    Anna Pedata

    GRAZIE..
    È molto chiara la spiegazione

    ..

  • Cosma
    Cosma

    Grazie Tiziana, sei stata chiara ed illuminante!!

lascia un commento
Il tuo nome:*
Indirizzo e-mail:*
Messaggio: *

Nota: i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

* Campi richiesti